La Veggia

Laveggia interpreta la nuova espressione di un’azienda nata nel 1964 modificandosi nel corso degli anni per raggiungere una nuova identità nel 2008. Attraverso una radicale ricapitalizzazione sia di uomini che di mezzi si trasforma in quella che oggi potremo definire un’azienda nuova che guarda al futuro senza perdere di vista l’esperienza in cui affonda le proprie radici.

Roma | GIFCO: 19-20 Maggio 2017

//Roma | GIFCO: 19-20 Maggio 2017

Anche per quest’anno, si è concluso il meeting annuale organizzato da GIFCO, il Gruppo Italiano Fabbricanti Cartone Ondulato – con un fatturato di circa 3,8 miliardi di euro.

“Con il bilancio 2016 si chiude il quarto risultato positivo consecutivo negli ultimi anni – ha dichiarato il Presidente di GIFCO, Amelio Cecchini – La crescita produttiva è una conferma di come il nostro sia un comparto in salute, veicolo fondamentale per l’industria italiana, con un ruolo fondamentale nella valorizzazione dell’export e nella competitività del prodotto made in Italy”. “I segnali positivi non si arrestano: – continua il Presidente – nel primo trimestre 2017, infatti, la produzione in metri quadri è cresciuta del 3,8% rispetto ai primi tre mesi del 2016”.
In Italia sono quasi 6,6 i miliardi di metri quadri prodotti ogni anno: il cartone ondulato, essendo uno dei materiali da imballaggio più sostenibili con proprietà di duttilità, resistenza e versatilità, diventa il packaging ideale per protezione e trasporto dei prodotti al di la del settore merceologico.

Al Cavalieri Waldorf Astoria Hotels & Resorts si è fatto il punto sul bilancio delle attività svolte nel coso del 2016 e sullo stato attuale del comparto cartone ondulato made in Italy. La produzione nazionale è di 6.573.500.000 metri quadri (in peso 3,7 milioni di tonnellate), con l’1,8% di crescita rispetto ai numeri del 2015.Indice di buona salute sono a i numeri in termini di fatturato che arrivano delle aziende che lo compongono: circa 3,8 miliardi di euro.  L’industria del cartone ondulato sembra quindi essere in forza, garantendo occupazione a circa 15 mila addetti e l’Italia, in coda alla Germania, si conferma ancora il principale produttore di cartone ondulato a livello europeo.
L’alimentare, con una quota di mercato in crescita si attesta il 58,3%, il restante 41,7% delle scatole in circolazione è stato utilizzato lo scorso anno dal “non food”, dagli elettrodomestici all’edilizia, dall’industria metalmeccanica a quella farmaceutica, dall’arredamento, all’igiene, al cosmesi e la pulizia per la casa ecc. Last but not least il peso delle vendite ondine, come ha sottolineato il Presidente di GIFCO: “L’e-commerce è un settore fondamentale per lo sviluppo della nostra filiera, laddove il cartone ondulato è il packaging per eccellenza per le spedizioni dei beni acquistati ondine.”

Per offrirti il miglior servizio possibile in questo sito utilizziamo i cookies, anche di terze parti a solo scopo statistico. Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso. Ulteriori informazioni.